La settima edizione de il Raduno dei Suonatori di Tarantella si è conclusa con un atto solidale

Il 5 e 6 agosto 2017 a Monte Sant’Angelo si è svolta la settima edizione de “Il Raduno dei Suonatori di Tarantella”, presso l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano. È stata questa l’occasione per far conoscere a quanti già non lo conoscevano un pezzo della nostra terra a dir poco meraviglioso. Due giornate intense con diverse attività: stage, workshop, mostre, visite guidate agli eremi, concerti e degustazioni. Più di 200 suonatori e danzatori vi hanno preso parte, tanti i gruppi che si sono susseguiti tra gli stage e i concerti serali : Scuola di Tarantella di Montemarano, Mulieres Garganiche, La Pacchianella, Le indie di Quaggiù, Cantori di Carpino, Cantori di San Giovanni Rotondo, Cantori di Monte Sant’Angelo e i Tarantula Garganica con la presentazione del loro ultimo album “Chi nasce e chi more”. Tanta la soddisfazione espressa dall’ideatore di questo evento Peppe Totaro che lo ha promosso con Studio Uno e Associazione Museca, in collaborazione con la Comunità Monastica di Pulsano, con il contributo del Comune di Monte Sant’Angelo e del Parco Nazionale del Gargano.
Suonatori, danzatori, musicisti e appassionati si sono ritrovati per rivivere le emozioni e i suoni delle tradizioni del Gargano, ma anche per sostenere, come già fatto negli anni precedenti, la Comunità Monastica di Pulsano. All’evento è stata abbinata una sottoscrizione volontaria che assieme al ricavato della manifestazione ha prodotto la somma di 2.652,00 € interamente devoluta alla Comunità Monastica.
“Un connubio perfetto tra tradizione, paesaggio e spiritualità, all’insegna della solidarietà – aveva dichiarato a suo tempo Peppe Totaro, che aggiunge – è stata un’edizione impegnativa perché la manifestazione si è svolta in due giornate, facendo lievitare notevolmente le spese, ma alla fine siamo felici e orgogliosi per l’ottima riuscita dell’evento e per la generosità dei partecipanti che hanno contribuito alla raccolta di questa importante somma. Un evento in crescita che non ha nulla da invidiare agli altri festival regionali e che gli enti preposti dovrebbero prendere di più in considerazione”- conclude Totaro.
Un momento di gioia che si è concluso il 22 di ottobre con la consegna del ricavato e come sempre i monaci per ringraziare hanno voluto dichiarare con una lettera ciò che gli è stato donato. Il Priore dell’Abbazia fr. Pietro Distante nella lettera scrive: “attraverso l’esperienza diretta con i grandi maestri della Tarantella del Gargano e la vita dei monaci che qui dal passato ad oggi pregano e lavorano si è voluto non solo salvaguardare le tradizioni ma diffonderle alle nuove generazioni in un generoso scambio di fede, passione e comunione di genti e con Dio che sempre nutre la speranza, la libertà e l’amore tra tutti i popoli. Si rende noto anche che la manifestazione ha prodotto un generoso contributo do 2.652,00 euro, interamente devoluto alle necessità di mantenimento della struttura abbaziale”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*